Unknown

L’efficacia dell’Acido Piruvico in campo dermatologico dipende da diversi fattori, tra cui la concentrazione, il solvente, il rapporto fra diluente-acqua-solvente, il tipo di pelle, il grado di idratazione cutanea e il tempo di applicazione.

Le indicazioni principali per il suo utilizzo sono: il trattamento dell’acne in fase attiva, gli esiti cicatriziali di acne, la dermatite seborroica, le cheratosi attiniche, le ipercheratosi circoscritte, le discheratosi, le iperpigmentazioni post-infiammatorie e post-attiniche, il cloasma, le rughe superficiali. La scelta del tipo di peeling da utilizzare deve essere effettuata basandosi sia sulla patologia da trattare che sul tipo di pelle. Soltanto dopo un’accurata valutazione clinica e rimandando la decisione finale al solo giudizio del medico, possono essere trattati, con l’ausilio della tecnica peeling all’Acido Piruvico, i pazienti con le seguenti patologie:

- Dermatite seborroica

- Eritrosi (utilizzando il Piruvico 40 mild)

- Cloasma

- Iperpigmentazioni post-infiammatorie e post-attiniche (utilizzando il Piruvico 40 strong)

- Acne in fase attiva (utilizzando il Piruvico 40 strong per poi passare eventualmente al Piruvico 50 e/o Piruvico 60 in     base alle caratteristiche dell’acne e alla propria esperienza)

- Rughe sottili

- Cicatrici acneiche

- Cheratosi attiniche

- Discheratosi

- Ipercheratosi circoscritte (iniziando con il Piruvico 40 strong per poi eventualmente passare al Piruvico 50 ed eventualmente al Piruvico 60)