qp_290

Le macchie della pelle, anche dette discromie cutanee, indicano un alterazione del normale colorito cutaneo. Questa alterazione può essere causata da diversi fattori, per scoprire quali puoi leggere il nostro articolo sulle cause della discromie della pelle.

In questo articolo tratteremo invece le diverse tipologie di macchie che si possono presentare tra cui le più comuni sono:

-Cheratosi Seborroiche, una forma di tumore benigno dell’epidermide che si manifesta con la comparsa di macchie scure in rilievo rispetto alla cute, spesso sono simili a verruche.

-Efelidi, da non confondere con le lentiggini, sono piccole macchie brune che si manifestano soprattutto nelle zone esposte alla luce, in particolare sul viso.

-Pitiriasi Rosea, una dermatosi benigna che colpisce soprattutto i giovani e che si manifesta con la comparsa di macchie cutanee soprattutto sul busto e sugli arti superiori.

- Vitiligine, una malattia della pelle autoimmune di origine sconosciuta. La vitiligine è ereditaria ed è caratterizzata dalla comparsa sulla pelle di macchie non pigmentate. Le parti del corpo più colpite da questa malattia sono il viso e le mani.

Le macchie cutanee sono causate da fattori complessi e molto diversi tra di loro per questo è importantissimo stabilire una diagnosi corretta rispetto alla causa specifica delle macchie per poter individuare la cura più adatta. Tanto più le macchie si estendono in profondità rispetto allo strato superficiale della cute tanto più andranno curate con attenzione. Rivolgersi ad uno specialista in grado di fornire un consulto mirato è fondamentale per dare alla pelle la cura giusta.