Capelli secchi

I capelli secchi possono essere il risultato di squilibri interni o esterni all’organismo, anche se molto spesso prevalgono le cause di natura ambientale. Tra le insidie più pericolose a cui vengono quotidianamente esposti, ricordiamo l’intensa irradiazione solare ed il frequente ricorso ad alcuni trattamenti cosmetici (decolorazioni, permanenti, shampoo aggressivi, eccessiva vicinanza del phon al cuoio capelluto ecc.).

Un capello secco può essere anche il risultato di una scarsa attività sebacea o, più raramente, di determinate condizioni patologiche, come l’anemia o l’ipotiroidismo. Infine, all’origine del problema possono esservi anche fattori nutrizionali, come una dieta troppo rigida o carente di vitamine ed acidi grassi essenziali.

Capelli grassi

Quello dei capelli grassi è un problema piuttosto diffuso e per certi versi imbarazzante. L’odiosa sensazione di appiccicume non è infatti una semplice apparenza, ma il risultato di un eccesso di sebo che si deposita su capelli e cuoio capelluto, favorendone l’adesione. Dal momento che l’olio prodotto dalle ghiandole sebacee tende a trattenere scaglie di pelle e il sudiciume con cui viene a contatto, un capello grasso richiede lavaggi quotidiani.

L’eccesso di sebo è frequentemente associato alla caduta dei capelli. Spesso entrambi i problemi hanno infatti origini androgenetiche, anche se non sempre i due eventi sono concomitanti. Per questo motivo il termine alopecia seborroica è ormai caduto in disuso.

Capelli sfibrati

Tale anomalia è ricollegabile a diverse cause: un uso continuo di prodotti alcalini, cioè troppo aggressivi, coloranti e decoloranti troppo aggressivi, specialmente se utilizzati in combinazione con ossidanti ad alti volumi, stiranti e permanenti troppo aggressive.e difficile la pettinatura.

Capelli fragili, che si spezzano

Il fusto del capello è molto resistente, in quanto le cheratine della corteccia sono molto dure. Se la corteccia viene danneggiata ed i legami presenti fra gli atomi di zolfo della cistina, l’amminoacido che costituisce la cheratina dura, vengono rotti (come, ad esempio, accade effettuando una permanente), il capello diviene fragile e può spezzarsi.

Capelli ruvidi

La ruvidezza dei capelli è dovuta alle squame aperte. In genere, può dipendere dall’uso di prodotti con pH alcalino – sgrassanti o cheratolitici – o cotonature.

Cute secca

La cute secca è determinata dalla carenza di sostanze grasse nella sua superficie. Normalmente una cute secca è anche molto disidratata e questo può dipendere da un’eccessiva eliminazione di sali minerali, carenza di vitamina A e/o esposizione della cute a sostanze disseccanti.

Iperidrosi

L’eccessiva sudorazione determina un aumento del pH della pelle, compromettendo l’effetto disinfettante esercitato dal mantello idrolipidico.

Peli cuneiformi o peli nani

Capelli molto corti, che presentano una scarsa pigmentazione ed una struttura base abbastanza larga. La sezione però tende a restringersi verso la punta assumendo la forma di un cono molto appuntito. Questi capelli hanno la tendenza a cadere. Questo fenomeno è spesso associabile alla fase terminale dell’alopecia seborroica

Pili torti

Capelli ritorti su se stessi che rendono estremament.